Poche regole da seguire per il nido

 

Avvisare la scuola se si è in ritardo sia al mattino che al pomeriggio.
Per i bambini che non usufruiscono del posticipo, l’uscita è ENTRO le ore 16.00. Dopo tale orario “scatta” il posticipo.
La puntualità è importante sia al mattino che al pomeriggio.

 

————————————————————————————————————————————————–

ASSENZA/MALATTIA
Dopo 6 giorni di assenza va consegnato alle maestre il certificato medico per il rientro a scuola del bambino. E’ opportuno avvisare sempre la scuola quando il bambino è ammalato, anche per assenze di un solo giorno. Importante per le insegnanti è sapere quando il bambino ha una malattia infettiva (gastroenterite,
congiuntivite, …).
In caso di assenza prolungata per vacanze o ferie, è sufficiente avvisare le educatrici prima.

E’ opportuno non portare a scuola il bambino se il giorno prima, durante la notte o il mattino stesso presenta febbre, vomito, diarrea, congiuntivite o altre malattie considerate infettive. Ciò per il benessere del vostro bambino e degli altri (compagni di classe e insegnanti!).
Le insegnanti avvisano telefonicamente i genitori quando il bambino presenta febbre superiore ai 37°, dissenteria, congiuntivite (malattie infettive), vomito, o altri sintomi che compromettano il suo stare bene a scuola e quello degli altri.

Quando il bambino viene allontanato dalla scuola per malattia, il giorno dopo deve rimanere a casa, a meno che non presenti il certificato del proprio pediatra.
E’ necessario presentare certificato medico se il bambino ha delle problematiche particolari (es.: temperatura alterata, epistassi, condotto lacrimale chiuso,…).

————————————————————————————————————————————————–

Leggere attentamente, ogni giorno, gli avvisi sulla bacheca, sulla lavagna e sulla porta (non si deve guardare per il nido la bacheca vicino alla porta centrale della scuola che fa riferimento solo alla Scuola dell’Infanzia). 

L’entrata del nido integrato è esclusivamente quella dalla parte della Chiesa\Centro parrocchiale.

Le unghie dei bambini vanno tenute costantemente corte per il benessere e un senso di pulizia del bambino stesso e dei suoi compagni.

All’entrata in classe del bambino, al mattino, controllare bene le tasche ed eventualmente togliere caramelli, soldi, piccole cose.
Non far entrare il bambino in classe con i giochi portati da casa, perché potrebbero andare persi.
In entrambi i casi, riponete nell’armadietto del vostro bambino quanto descritto sopra.

Non far indossare al bambino catenine, braccialetti e altri oggetti di valore, perché durante il gioco possono rompersi e andar persi e le insegnanti non si assumono nessuna responsabilità a riguardo. Allo stesso tempo questi oggetti possono essere pericolosi per il bambino stesso e per gli altri compagni durante le attività delle giornata scolastica.

Per il vestiario: non far indossare ai bambini salopette, bretelle, cinture…..,vanno bene tute o pantaloni con elastico, per agevolare un’autonomia maggiore del bambino; se il bambino ha raggiunto il controllo sfinterico, non mettergli body ma mutandine.

Tutto ciò che appartiene al vostro bambino deve essere contrassegnato dal nome del bambino stesso.

I genitori, familiari, amici non possono entrare nelle classi se non con il consenso delle insegnanti.

Per un miglior risultato relativo all’autonomia del bambino chiediamo ai genitori di collaborare con le insegnanti, attraverso i colloqui individuali, che possono essere richiesti sia dai genitori che dalle insegnanti e attraverso i quali vengono stabilite delle regole comuni per una maggiore indipendenza del bambino.

Ogni lunedì portare a scuola: 5 bavaglie, 1 asciugamano, 1 bottiglietta di acqua usa e getta con il beccuccio e il proprio nome scritto ed eventuale ciuccio.

Pipì/pannolino: si può iniziare a togliere il pannolino a scuola solo quando il bambino è in grado di chiedere/chiamare riconoscendo lo stimolo.

 

Condividi questa pagina 🙂